#GEP2017 al Complesso Monumentale della Pilotta

Sabato 23 e domenica 24 settembre tornano nei musei e nei luoghi della cultura di tutta Italia le Giornate Europee del Patrimonio . Sabato 23 settembre con orari e costi ordinari nel corso della giornata e apertura straordinaria serale di tre ore al prezzo simbolico di 1€; e domenica 24 settembre con orari e costi ordinari e molti eventi. Il tema scelto dal Consiglio d’Europa per la nuova edizione è “Cultura e Natura”, un argomento di grande attualità che permette di approfondire l’interazione dell’uomo con l’ambiente che lo circonda, in un ampio arco cronologico che va dalla preistoria all’epoca contemporanea.
Il Complesso Monumentale della Pilotta aderisce all’iniziativa con aperture straordinarie dei propri siti e alcune iniziative organizzate ad hoc per la manifestazione. Per saperne di più LEGGI TUTTO

Ecco il programma:

Sabato 23 settembre:  apertura straordinaria della Galleria Nazionale con orario prolungato dalle 19.00 alle 22.00 al prezzo simbolico di € 1,00

Sabato 23 e domenica 24 settembre –  Biblioteca Palatina, Salone Maria Luigia
Disegnare con le foglie
Mostra di scheletri fogliari preparati e impressi
Orario: sabato 23 settembre dalle 15.00 alle 22.00 e domenica 24 settembre dalle 10.00 alle 18.00. INGRESSO GRATUITO

Il conte Stefano Sanvitale, di cui è nota la passione per gli studi di storia naturale e in particolare per quelli di botanica, volle tentare, all’incirca a partire dal 1828, alcuni esperimenti di cui aveva discusso con Padre Zaccaria da Piacenza; cominciò a occuparsi di fisiologia vegetale, esaminando la struttura interna delle foglie e animò Tommaso Luigi Berta, nipote dello Zaccaria, che si diede pazientemente all’opera di anatomizzazione e “scheletrizzazione” delle foglie. Attraverso un complesso processo il Berta riuscì a ricavare gli scheletri delle foglie di molte specie di piante, molti dei quali sono conservati in biblioteca Palatina, alcuni posti a corredo delle sue pubblicazioni, altri affidati, per la conservazione, all’Istituto di Botanica dell’Università. Ma il Berta non si accontentò di preparare a centinaia gli scheletri fogliari, nel modo più perfetto: per poterli moltiplicare e soddisfare così le ricerche dei fitologi, escogitò un metodo di stampa, facile, rapido e fedele, tale “da non temere il cimento dell’angioscopio”. L’attività del Berta, finalizzata all’insegnamento e alla divulgazione, esce così completamente dal circuito collezionistico di taluni erbari, per entrare a pieno titolo nel campo della documentazione scientifica. Senza seguire le orme di Jacob Corinaldi, che nel 1826 aveva impresso direttamente gli scheletri inchiostrati sulla carta bagnata e senza ricorrere alla litografia, il metodo allora utilizzato dall’illustrazione scientifica e botanica,   Berta nel 1828 pubblicò l’Iconografia di scheletri di diverse foglie indigene ed esotiche preparate ed impresse…, con un corredo di 50 tavole, a cui seguì nel 1830 l’Iconografia del sistema vascolare delle foglie messo a nudo ed impresso…, con 60 tavole in appendice, preceduta dalla Memoria sull’anatomia delle foglie delle piante. Il Berta si limitò a definire il suo metodo come “invenzione semplice, comecché non facile ad immaginarsi”, ma è ricordato come uno dei primi e più abili preparatori di scheletri fogliari e precursore del processo della fisiotipia.

Sabato 23 e domenica 24 settembre – Complesso Monumentale della Pilotta

Dentro e fuori dalla Pilotta
Orari: sabato 23 settembre dalle 15.00 alle 19.00 e di domenica 24 settembre dalle 10.00 alle 18.00. 
INGRESSO GRATUITOIl percorso si pone idealmente in continuità con la tematica affrontata in occasione della prima “Giornata nazionale del Paesaggio” del 14 marzo 2017 in cui è stato proposto un incontro sul tema “Paesaggio urbano a Parma da Maria Luigia ad oggi” con una riflessione sulle trasformazioni architettoniche del Complesso Monumentale della Pilotta e all’area circostante in rapporto allo sviluppo urbanistico della città di Parma nell’Ottocento. Le visite al Cortile del Guazzatoio, della Cavallerizza e della Rocchetta saranno l’occasione per vedere e conoscere più da vicino la complessa struttura della Pilotta e della sua articolazione dall’epoca dei Farnese fino ad oggi con particolare attenzione al rapporto tra gli spazi interni e gli spazi urbani circostanti.
Tutti gli eventi sono disponibili in questa pagina e sono in continuo aggiornamento www.beniculturali.it/GEP2017
Per seguire e raccontare l’evento sui social: #GEP2017 #culturaenatura

Amici della Pilotta

Amici della Pilotta è una associazione culturale nata per volontà di un gruppo di appassionati d’arte con lo scopo e la missione di sostenere e promuovere i siti espositivi dipendenti dalla Soprintendenza per i Beni Artistici di Parma e Piacenza.

Segnaletica_KV_DRAFT-01

Contatti

tel: + 39 0521 233309 – 233617

fax: +39 0521 206336

email: cm-pil@beniculturali.it

posta certificata: mbac-cm-pil@mailcert.beniculturali.it

Aggiornamenti da Facebook

"Argento vivo" sempre più vivo in #Pilotta. Anche di lunedì proseguono le visite dei cittadini con il direttore Simone Verde al Teatro Farnese e ai cantieri in corso al Complesso Monumentale.
#autunnoinpilotta #vivalapilotta #dicembrealmuseo #museitaliani #TeatroFarnese #argentovivo #Parma
... See MoreSee Less

7 hours ago  ·  

View on Facebook

L'ultima lezione di yoga in #Pilotta che chiude #AutunnoinPilotta inizia col suono delle campane tibetane, prosegue con l'asana dell'albero che ritroviamo anche nel dipinto di Tiepolo con "San Fedele da Sigmaringa che calpesta l'eresia". Yoga in #Pilotta proseguirà anche nel 2018 vi aspettiamo numerosi. #Pilotta #museitaliani #yogaalmuseo ... See MoreSee Less

2 days ago  ·  

View on Facebook