Sala del Trionfo

Sala del Trionfo 2018-09-14T13:12:51+00:00

Sala del Trionfo

L’istituzione del ducato fece di Parma un centro particolarmente attivo nelle arti decorative. A cavallo tra produzione estetica e cultura materiale, anch’esse divennero strumenti di legittimazione politica e di propaganda.

Con l’arrivo nel 1749 di Filippo di Borbone Spagna e Luisa Elisabetta, figlia di Luigi XV, le residenze ducali si arricchirono di arredi rocaille (rococò) provenienti dalla Francia, da dove la duchessa fece giungere anche artisti e artigiani per riallestire le residenze ducali, svuotate nel 1734 da Carlo di Borbone trasferitosi a Napoli con tutte le raccolte farnesiane.

Protagonista di questa sala è lo splendido Trionfo da Tavola dello scultore catalano Damià Campeny caratterizzato da elementi allegorici che rappresentano lo scorrere del tempo e il ciclo della natura. Realizzato nel 1803, è realizzato con marmi, pietre dure e bronzi dorati.

Questo apparato decorativo dialoga con i severi armadi farnesiani, le consolles dorate dell’architetto Ennemond-Alexandre Petitot e gli affreschi dei maestri attivi a Parma dal XVI al XVIII secolo. Gli accostamenti rievocano il fascino degli ambienti di corte, caratterizzati dalla convivenza dialettica delle diverse arti, in sintonia con il gusto europeo.

OPERE E COLLEZIONI IN QUESTA SEZIONE

Organizza la tua visita
Le Opere
Eventi e Novità
I Servizi